Sede Paderno P. - pulispa.net

per le Vostre Macchine Pulizia Industriale

a Varese troverete

 

  • ASSISTENZA (con vastissimo magazzino ricambi)

  • VENDITA (nuovo / dimostrativo / usato)

  • NOLEGGIO (periodo a breve / a medio / a lungo)


Dei seguenti prodotti

 

  • Lavapavimenti  lava pavimenti lavasciugapavimenti lavasciuga pavimenti industriali

  • Motospazzatrici motoscope

  • Aspiratori aspirapolvere aspiraliquidi aspiratrucioli

  • Idropulitrici pulivapor pulitori a vapore


 

 

Ricambi Originali: A.M.E.R. amer , TRE COLLI , INTERPUMP GROUP , SYNCLEAN , S.P.E. ELETTRONICA INDUSTRIALE , C.C.A.G. CROTTI , NUOVA BRESCIA ACCUMULATORI , ADIATEK , CIMEL , OMM LAVAPAVIMENTI , RUFFO , FIMAP , ING. O. FIORENTINI , C.T.M. GROUP , CILMAS CENTRO SUD , COMAC , DEC , DUPLEX , IP CLEANING , FLOOR , NUOVA SVAMEL , KLINDEX , KUNZLE & TASIN , LINDHAUS , COLUMBUS , NUMATIC , LAVORWASH , F.I.M.I.S. fimis , KAPPAEVI , BIEMMEDUE , PULIVAPOR polivapor , TECNOVAP , CASTELLO , COMET , IDROBASE , IDROPAVESE , PULITECNO , HIPRO , KÄRCHER , MAZZONI , SIRIO , PORTOTECNICA , GHIBLI , ELSEA , DEPURECO ASPIRAZIONE INDUSTRIALE , TRON , SALLA di ALBERICHI , SANTOEMMA , TMB , CFM , COYNCO , DELFIN , IPC SOTECO , POLTI , HOOVER , RIBO , SIBILIA , WIRBEL , SOLO , SOCAF , FAIP , PULITEKNO , ISC , ISAL , TENNANT SALES AND SERVICE , DULEVO INTERNATIONAL , HAKO ITALIA , EUREKA , PULIMAT , ELECTROLUX , CIMEX , M.P. MP , NILFISK-ADVANCE , POLI , RCM , ECOLOGICA , LEADER 2000
Oltre ai Consumabili: 3M ITALIA , EUDOREX , FACCO GIUSEPPE & C , SPONTEX PROFESSIONNEL Div. della MAPA SPONTEX ITALIA STEINER ITALIANA , BROZZI , SALVIATO , FALPI , FILMOP , EUROMOP , PULEX , READY SYSTEM , ALCA CHEMICAL , ALLEGRINI S.p.A , ALMA CHIMICA , ALSO Biotech , AR-CO CHIMICA , KEMIKA , FILA INDUSTRIA CHIMICA , SHARK , NETTUNO , I.C.E.FOR , JOHNSONDIVERSEY , DIANOS , ARAL , È COSÌ , ECOLAB , KITER , RARO

 

La provincia di Varese è una provincia italiana della Lombardia. Con 889.410 abitanti è la 4ª provincia più popolosa della Lombardia dopo la città metropolitana di Milano e dopo le province di Brescia e di Bergamo. È la 16ª provincia d'Italia (su 110) per popolazione e la 6ª per densità di popolazione. Confina a nord e a est con la Svizzera (Canton Ticino), a est con la provincia di Como, a sud con la provincia di Monza e della Brianza e con la città metropolitana di Milano, a ovest con il Piemonte (provincia di Novara, provincia del Verbano Cusio Ossola). Fu istituita con Regio Decreto n. 1 del 2 gennaio 1927, unendo comuni già appartenenti alle province di Como (circondario di Varese) e di Milano (circondario di Gallarate).  Caratteristica peculiare della provincia è la policentricità. Infatti, il 30% della popolazione provinciale si concentra nelle quattro città maggiori: Busto Arsizio (82.598), Varese (80.659), Gallarate (52.936), Saronno (39.419).  Indice      1 Geografia     2 Storia istituzionale     3 Stemma e gonfalone         3.1 Onorificenze     4 Idrografia     5 Infrastrutture e trasporti         5.1 Trasporto stradale         5.2 Ferrovie e tranvie         5.3 Trasporto pubblico locale         5.4 Trasporto lacustre         5.5 Trasporto aereo     6 Cultura e monumenti         6.1 Dialetto         6.2 Chiesa Cattolica     7 Economia         7.1 Archeologia industriale     8 Personaggi illustri     9 Musica         9.1 Gruppi musicali         9.2 Festival     10 Sport     11 Comuni         11.1 Comuni più popolosi     12 Amministrazioni     13 Note     14 Altri progetti     15 Collegamenti esterni  Geografia  La provincia di Varese sorge ai piedi delle Alpi, infatti il suo territorio è composto per il 32% da montagne e per il 46% da colline; sono una sua caratteristica anche i fiumi (tra i quali il Ticino, l'Olona e il Tresa) e i grandi laghi glaciali (Lago Maggiore, Lago di Lugano, Lago di Varese; quest'ultimo insieme ad altri sei laghi minori (Lago di Comabbio, Lago di Monate, Lago Delio, Lago di Ganna, Lago di Ghirla e Lago di Biandronno) forma il gruppo dei cosiddetti Sette Laghi Varesini. Inoltre Il territorio del varesotto è caratterizzato anche dalle molte valli, le principali sono: la Valle Olona, la Val Veddasca, la Val Dumentina, la Valcuvia, la Valtravaglia, la Val di Rasa, la Valganna la Val Marchirolo e la Valceresio. A sud, nella zona dell'Altomilanese, si trova invece la Pianura Padana.  Sulla carta geografica la provincia si presenta di forma allungata verticale, con due grandi "penisole", quella saronnese a sud est tra le province di Como e Milano e quella montuosa della Val Veddasca a nord, al confine con la Svizzera. Storia istituzionale Lapide su un muro nel centro storico di Ispra, oggi provincia di Varese, riportante indicazione dell'antico mandamento di Angera nella allora provincia di Como.  L'attuale provincia di Varese è la indiretta discendente del Contado del Seprio, istituzione feudale di origine longobarda, autonoma fin dal VII secolo, che nel XIV secolo entra a far parte del Ducato di Milano. Nel 1786, sotto la dominazione austriaca, venne istituita la provincia di Gallarate, ma già l'anno successivo il capoluogo viene trasferito a Varese. Tale istituzione durò fino al 1791.  Sotto il Regno Lombardo-Veneto il territorio dell'attuale provincia venne diviso fra la provincia di Como (a cui apparteneva Varese) e quella di Milano (a cui apparteneva Gallarate); i confini rimasero invariati anche con la creazione del Regno d'Italia.  L'attuale provincia venne istituita nel 1927, unendo il territorio dell'ex circondario di Varese (già parte della provincia di Como) a parte della provincia di Milano, comprendente 37 comuni fra i quali Saronno e Gallarate[2]. Stemma e gonfalone Exquisite-kfind.png     Lo stesso argomento in dettaglio: Armoriale dei comuni della provincia di Varese e Armoriale delle province italiane.  Lo stemma della provincia di Varese, adottato nel 2006 per iniziativa del presidente del tempo, Marco Reguzzoni, ed ufficializzato con Decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre 2007 presenta la seguente blasonatura: « D’argento inquartato dalla croce diminuita, di rosso: il PRIMO, alla effigie di San Vittore, movente dal braccio orizzontale della croce, il viso e le mani di carnagione, vestito con la tunica di rosso e con la corazza di cuoio al naturale, il capo coperto dall’elmo, dello stesso, il fianco destro sostenente la daga di argento, il Santo tenente con la mano destra l’asta di nero munita del vessillo bifido, di bianco al naturale, caricato dalla crocetta di rosso, con la mano sinistra la palma di verde; il SECONDO, al gallo ardito, di rosso; il TERZO, alla lettera maiuscola B, di rosso, accompagnata in punta dalla fiamma, dello stesso; il QUARTO, al castello di rosso, mattonato di nero, merlato alla guelfa, le due torri ognuna di tre, il fastigio di tre, esso castello aperto del campo, finestrato di sei nelle torri, tre e tre, dello stesso, sormontato dal tortello di nero. Ornamenti esteriori da Provincia »  I simboli presenti nei quattro cantoni attorno alla croce rossa rappresentano quattro tra i principali comuni del territorio: San Vittore per Varese, il gallo per Gallarate, il castello per Saronno e la lettera "B" con la fiamma per Busto Arsizio. La versione iniziale di tale stemma era leggermente diversa: lo scudo presentava un fondo bianco, lo stemma di Busto Arsizio (scudo troncato di rosso alla B bianca e di bianco alla B rossa) era disegnato integralmente, mentre gli altri tre emblemi erano colorati perlopiù in grigio. Questo emblema venne bocciato dall'Ufficio araldica e onorificenze della Presidenza del Consiglio dei Ministri in quanto presentante proporzioni scorrette tra i vari elementi, colori non consentiti dalle regole araldiche italiane (il bianco sullo sfondo e in una delle B dello stemma bustocco) o non sufficientemente contrastanti (le figure grigie). Lo scudo venne pertanto reso più tondeggiante e colorato d'argento, lo stemma di Busto Arsizio sostituito da una semplice B rossa sovrastante una fiamma e gli emblemi di Varese, Gallarate e Saronno ricolorati in rosso (per maggior contrasto e per richiamarsi alle simbologie storiche delle varie città). Al di sotto dell'insieme venne infine collocata una ghirlanda di alloro e quercia serrata da un nastro tricolore[3].  Il gonfalone è un drappo bianco caricato dello stemma e dell'iscrizione Provincia di Varese nella parte frontale, mentre sul retro sono ricamati i simboli di altri quattro comuni dell'alto varesotto, uno per ciascuna delle comunità montane (Valceresio, Valcuvia, Valganna e Valmarchirolo, Valli del Luinese) che a quel tempo componevano la parte settentrionale del territorio provinciale.  Lo stemma precedentemente in uso, adottato con Regio Decreto del 20 maggio 1928, conteneva unicamente simboli inerenti alle città di Varese e Gallarate, con la seguente blasonatura: « Troncato: nel PRIMO di rosso al palo d'argento, addestrato alla figura del martire San Vittore, patrono della città di Varese, nascente dalla partizione e sinistrato da un gallo, ardito, d'argento, membrato, imbeccato, crestato e barbugliato d'oro; nel SECONDO d'argento pieno »  Il gonfalone era un drappo bianco, caricato frontalmente del suddetto stemma, dell'iscrizione Provincia di Varese e dell'effigie di un'aquila circondata da una corona di due ramoscelli d'alloro.